Bollettino dei Mediatori Familiari n. 1 2007

Carissimi lettori,

questo numero di Tavola Rotonda si propone con un maggior peso teorico al fine di sollecitare il dialogo e lo scambio tra i professionisti della mediazione familiare.
Dalla promulgazione della Legge n. 54 sull’Affido condiviso sono aumentati i ricorsi alla mediazione da parte dei giudici, tuttavia è apparso sempre più evidente come la mancanza di chiarezza creasse vere e proprie difficoltà operative. Per ovviare a queste difficoltà l’AIMeF ha realizzato un documento ad uso degli operatori del diritto che pubblichiamo per renderlo noto e diffonderlo tra gli abbonati.
Maria Chiara Posa ha affrontato il complesso tema etico del ruolo del mediatore familiare cattolico nei casi di divorzio.
Annalisa Torresi ha chiarito le specificità professionali dell’avvocato e del mediatore.
Isabella Buzzi ha voluto portare lo “stato dell’arte” della mediazione moderna nella sua nazione d’origine e ha completato l’articolo di Annalisa Torresi con una introduzione alla figura, ormai molto diffusa in Europa settentrionale e negli Stati Uniti ma non nel nostro Paese, dell’avvocato “collaborativo”.
Vi diamo, inoltre, informazioni aggiuntive sul convegno di formazione AIMeF a Firenze il prossimo 23 e 24 giugno, con Gary Friedman. e ritroverete le consuete rubriche in fondo al bollettino.

G. Molinari

Chiudi il menu