You are currently viewing Consigli ai genitori estraniati dai figli adulti
Isabella Buzzi

Isabella Buzzi

Pedagogista, Dottore di ricerca in Psicologia, Mediatrice Familiare, Mediatrice Civile e Commerciale, Formatrice, Supervisore professionale, Counselor

Tutti gli articoli

Consigli ai genitori estraniati dai figli adulti

Il fenomeno è in aumento anche nel nostro Paese: sempre più giovani adulti stanno tagliando i legami con i loro genitori.

Per i genitori, spesso le mamme, è una esperienza estremamente dolorosa e destrutturante. Per i nonni, ciò spesso significa anche la perdita di contatto con i nipoti.

La buona notizia è che molti figli adulti affermano, dopo qualche anno e avendo accumulato maggiore esperienza, che vorrebbero riavere i loro genitori nelle loro vite, ma solo a determinate condizioni.

Famiglie senza amore

Le cause del conflitto che porta questi figli adulti a tagliare i rapporti e le comunicazioni con uno dei propri genitori, o con entrambi in certi casi, possono variare notevolmente.

A volte i figli adulti trovano da ridire nel modo in cui sono stati allevati.

I figli adulti a volte conservano risentimento per il matrimonio fallito dei loro genitori, spesso incolpando uno dei due.

Un altro problema comune è che i figli adulti sentono che i loro genitori non li riconoscono e non li trattano come adulti, con la capacità di prendere le proprie decisioni.

In altri casi, il partner della figlia o quella del figlio è il fattore di divisione. I genitori potrebbero non gradire o approvare il/la partner. La loro disapprovazione costringe i figli a scegliere tra genitori e partner.

Come provare a ricucire il rapporto?

Non è facile, ma è bene evitare di stare sulla difensiva. Quando i genitori giustificano alcune delle loro azioni passate tendono a voler dimostrare che ciò che hanno fatto era giusto o accettabile, ne consegue implicitamente che i figli hanno avuto torto nelle loro reazioni.

Dimostrare al figlio/alla figlia che ha torto, renderà poco probabile ottenere che abbassi le barriere difensive e riapra la comunicazione.

Ciò che i figli adulti dicono di desiderare è che i loro genitori si assumano la responsabilità di quanto accaduto e che li ha fatti soffrire. In alcuni casi chiedono esplicitamente che si scusino.

Ecco alcune frasi che i figli dichiarano essere una buona modalità di riavvicinamento da parte del genitore:

“Mi dispiace”
“Capisco i tuoi sentimenti”
“So di aver commesso degli errori”
“Avrei potuto essere più di supporto (utile, comprensivo, amorevole, ecc.)”.

Sarebbe bene non fare appelli emotivi

I genitori spesso vogliono parlare ai figli di quanto dolore abbia causato loro l’allontanamento. I figli adulti che hanno preso questa misura, decisamente estrema, di interrompere ogni contatto, non saranno affatto toccati dal dolore dei loro genitori. È probabile che siano particolarmente indifferenti anche al loro dolore di nonni, per non aver visto i nipoti.

È possibile non interrompere completamente la conversazione, se questa resta “leggera”.

Potrebbe essere necessario tentare più di un’apertura da parte del genitore prima che un figlio accetti un percorso di riconciliazione, ma le aperture non dovrebbero essere mai vissute dai figli come molestie. Sono controproducenti gli appostamenti fuori dal lavoro o ai luoghi frequentati dal figlio/dalla figlia, le telefonate sul lavoro o agli amici, la ricerca di alleanze con persone vicine ai figli, ecc.

Quello che può servire è la semplice proposta di riunirsi per un’occasione poco stressante, come un caffè al bar, una cena fuori o una passeggiata in cui si parlerà del più e del meno. Meglio non parlare più del passato.

Se il tentativo di riapertura venisse rifiutato, i genitori dovrebbero aspettare un po’ e poi riprovare.

Alcuni nonni, rivivendo il momento della causa con l’ex-coniuge, hanno preso in considerazione un’azione legale, ma è improbabile che i nonni vincano in tribunale e avranno ulteriormente dato motivo ai figli adulti di vederli come “nemici molesti”.

Se i tentativi di ripristinare la relazione falliscono, a volte la mediazione delle relazioni familiari è un percorso efficace.

HAI TROVATO QUESTO ARTICOLO INTERESSANTE? CONDIVIDILO